Una grande salvezza

Una grande salvezza

“…come scamperemo noi se trascuriamo una così grande salvezza?” (Ebrei 2:3)

L’opera che Gesù ha fatto sulla croce è chiamata dalla Bibbia: “Una così grande salvezza”, a significare qualcosa di fantastico, magnifico di importanza estrema.

Possiamo prendere come esempio il popolo di Israele schiavo in Egitto. Senza alcun diritto, senza la possibilità di scegliere per la loro vita, senza futuro, con la certezza di morire giovani, sotto le frustate dei loro padroni o di fame, senza la libertà di vivere la normale vita che tutti gli altri non schiavi avrebbero vissuto: giocare da bambini e ricevere un istruzione, crescere, innamorarsi e sposarsi, fare dei figli, ecc. e senza alcuna speranza di essere liberati.

Beh! Dio in modo arbitrario, dettato solo dal Suo amore e in modo soprannaturale, decise di salvarli dandogli una speranza, una terra, una nuova vita, un nuovo futuro sotto la Sua protezione e guida.

Tutti quanti noi eravamo senza speranza, con la certezza di vivere una vita triste, fatta di interminabili sofferenze e con la certezza di morire senza Dio. Tutto questo ci avrebbe portato a vivere un esistenza eterna nello stagno di fuoco. Proprio come ad Israele, questo è proprio quello che è successo a tutti coloro che hanno ricevuto la salvezza mediante l’opera redentiva di Gesù, attraverso la sua morte e risurrezione. “…

Mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.” (Romani 5:8)

Una così grande salvezza ci è stata data, ma a volte proprio come fece Esaù, in modo così assurdo la disprezziamo. In che modo? Ogni volta che assaporiamo il peccato, ogni volta che anteponiamo i nostri interessi a quelli del Regno di Dio, ogni volta che non doniamo amore a coloro che ci circondano, ogni volta che sparliamo o giudichiamo il fratello. Una così grande salvezza ci è stata data, che comprenderemo appieno solo quando saremo alla Sua presenza. Camminiamo come avendo nel nostro cuore un tesoro inestimabile, una speranza senza fine, una gioia inarrivabile.

Scritto da Davide Di Martino

Davide da Roma ci propone la sua meditazione, aspira a diventare un autore cristiano. Ad oggi serve il Signore nella "Casa di Preghiera" di Roma.

Libri correlati all’articolo